top of page

BONUS CASA DEL 2024

Oggi affrontiamo il tema delle agevolazioni per la casa nel 2024. Anche quest’anno c’è un’ampia gamma di vantaggi per la casa che andiamo ad elencarvi e spiegarvi qui di seguito.

Bonus Casa 2024

Bonus ristrutturazione

Il bonus ristrutturazione è una detrazione Irpef del 50% sulle spese per la ristrutturazione di abitazioni e parti comuni di edifici residenziali è attiva fino al prossimo 31 dicembre.

Si tratta di un beneficio disciplinato dall’articolo 16-bis del Dpr n. 917/86 che è stato prorogato dalla legge di Bilancio 2022 al 31 dicembre 2024 con la possibilità di usufruire della maggiore detrazione Irpef (50%) e del limite massimo di spesa di 96.000 euro per ciascuna unità immobiliare.

Secondo quanto previsto ad oggi, dal 1° gennaio 2025 la detrazione tornerà alla misura ordinaria del 36% e con il limite di 48.000 euro.

Superbonus

Nel 2024 non sarà più presente il superbonus 110%.

L’ agevolazione fiscale nell’anno in corso ha una detrazione del 70%.

Con la conversione in legge del decreto sulle agevolazioni fiscali nel settore edilizio e in particolare sul superbonus al 110%, per tutelare le famiglie economicamente più fragili. Ciò consente loro la conclusione dei cantieri con uno stato di avanzamento dei lavori non inferiore al 60% al 31 dicembre 2023 viene riconosciuto uno specifico contributo ai cittadini con reddito di riferimento non superiore a 15.000 euro in relazione alle spese sostenute dal primo gennaio a 31 ottobre 2024.

Ecobonus

Lecobonus al 65 e al 50% sarà attivo fino al 31 dicembre 2024.

Si tratta di una detrazione dall’Irpef o dall’Ires, da ripartire in 10 rate annuali di pari importo, la cui entità varia a seconda che l’intervento riguardi la singola unità immobiliare o gli edifici condominiali e dell’anno in cui lo stesso è stato effettuato.

È necessario che gli interventi siano eseguiti su unità immobiliari e su edifici censiti o per i quali è stato chiesto l’accatastamento, di qualunque categoria catastale, anche se rurali, compresi quelli strumentali per l’attività d’impresa o professionale, merce o patrimoniali.


Bonus Infissi

Questo bonus spetta ai proprietari degli immobili, ai locatari, ai comodatari, ai familiari conviventi e a tutti coloro che hanno la casa in uso o usufrutto. 

L’importante è che l’immobile risulti accatastato o in fase di accatastamento.

Come accade per molti incentivi per i lavori di efficientamento della casa, i termini per usufruire del bonus infissi 2024, nella formula attuale, scade il 31 dicembre 2024.

Per beneficiarne è necessario che non si tratti di nuova installazione, ma di sostituzione di infissi già esistenti e che i valori di trasmittanza termica finali devono essere inferiori o uguali a 1,75 per la zona climatica C.

Bonus Bollette

Il bonus bollette ordinario a partire dal 1° gennaio 2024 è tornato ad essere attivo per coloro che hanno un Isee fino a 9.530 euro.

Da quest’anno gli incentivi sociali per nuclei familiari in condizioni di disagio economico spettano a famiglie con un Indicatore della Situazione Economica Equivalente non superiore a 9.530 euro; famiglie con un Isee non superiore a 20.000 euro che abbiano almeno 4 figli a carico.

Il bonus viene erogato automaticamente dopo la presentazione dell'ISEE 2024 nel caso i si rispettino i requisiti.

Bonus Barriere Architettoniche

L'agevolazione in questione è stata leggermente modificata rispetto allo scorso anno.

Il governo è intervenuto con una stretta che riguarda principalmente gli interventi agevolabili, limitando anche la possibilità di cessione del credito.

Il bonus per la casa 2024 barriere architettoniche può essere applicato solo per la realizzazione di interventi che riguardano scale, rampe, ascensori, servoscala e piattaforme elevatrici e limitatamente a edifici già esistenti.

Gli altri bonus per la casa 2024

Ci sono anche altri importanti bonus per la casa che vi elenchiamo qua sotto:

  • bonus mobili: consiste in una detrazione al 50% delle spese sostenute e documentate per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici;

  • il sisma bonus: la percentuale di spesa detraibile può variare dal 50% all’85%, a seconda della tipologia di interventi realizzati;

  • il bonus verde: una detrazione Irpef del 36% sulle spese sostenute per la sistemazione a verde di aree scoperte private di edifici.

Richiedi una Valutazione Immobiliare


257 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page